Risotto alla barbabietola e speck 

Ricetta riso alla barbabietola e speck 

DIFFICOLTA’

bassa

PREPARAZIONE

15/30 min

TEMPO DI COTTURA

30 minuti

DOSI

2 persone

INGREDIENTI :

  • 320 g – Riso Carnaroli
  • 200 g – Barbabietola rossa cotta
  • 120 g – Speck a dadini
  • 1 – Scalogno
  • 1 L – Brodo vegetale
  • Parmigiano qb
  • Sale e pepe

Preparazione

  1. Prima di iniziare a cucinare il risotto, preparate in una pentola 1 litro di brodo vegetale e tenetelo da parte. Sbucciate la barbabietola cotta e frullatela nel mixer fino ad ottenere una purea omogenea. Se il composto risultasse troppo asciutto, aggiungete 1-2 cucchiai di brodo per renderlo più cremoso.
  2. Pelate e tritate finemente lo scalogno. Fatelo soffriggere in una pentola con 3 cucchiai d’olio extravergine d’oliva. Una volta che lo scalogno è dorato, aggiungete il riso. Tostatelo per un paio di minuti, mescolando spesso con un mestolo di legno.

Quando il riso è diventato trasparente, sfumate con un mestolo di brodo. Aggiungete i cubetti di speck e mescolate. Fate cuocere il riso a fuoco medio, aggiungendo 1-2 mestoli di brodo caldo man mano che il liquido viene assorbito. Quando mancano 5 minuti al termine della cottura, aggiungete la purea di barbabietola. Mescolate per amalgamare bene e regolate di sale.

  1. Quando il riso è pronto, toglietelo dal fuoco. Per mantecarlo e renderlo cremoso, unite un pezzo di burro e il parmigiano grattugiato.
  2. Chicca: fate rosolare dei cubetti di speck in una pentola piccola così una volta pronti daranno croccantezza al piatto!
L’host – Giulia Scutellà

Lei è Giulia Scutellà ha 23 anni, ed è una studentessa di lingue, il suo blog scutella in padella è assolutamente da seguire.

Adora viaggiare e assaporare i piccoli grandi piaceri che la cucina offre, sul suo blog potete trovare consigli riguardo a locali dove mangiare, i posti migliori… delle vere e proprie recensioni spesso fatte ” a caldo ” sui ristoranti.

Il bello di Giulia è che prova tutti i ristoranti in prima persona!

Il nostro prodotto: Speck del Berlinghetto